lunedì 25 novembre 2013

Non mi arrendo.

Anche per oggi pare stia andando. Non sento più la necessità di mangiare tantissimo. È il dolore a farmi questo effetto. Prima sono passata davanti ad una pizzeria, per caso, perché stavo camminando, mi è subito venuto da pensare: "Oddio, che schifo il cibo, che schifo queste cose caloriche. Non riuscirei mai a sedermi in un ristorante o una pizzeria e mangiare qualcosa. Vomiterei. Eppure da piccola ci andavo, senza pensare a nulla. Adesso mi sentirei morire". E subito una sensazione di disgusto mi è salita fino alla gola. Ancora penso un po' ai dolci, ma con razionalità, non mi ci butterei sopra per mangiarli, almeno non in questo momento. So che in futuro capiterà di nuovo, non mi sento guarita sotto questo punto di vista, ma per ora è così e mi sta bene. Lui mi ha scritto, come se non fosse successo nulla. Il solito copione. Mi tratta malissimo, io gli mando messaggi chilometrici in cui gli dico di non volerlo mai più vedere, e lui mi risponde quando gli gira come se non fosse successo nulla di particolare, come se non mi avesse ferita a morte. Niente scuse, niente "mi dispiace", niente di niente. Non gli ho risposto. Mi sento forte adesso. Rispondergli non avrebbe senso. So che non lo dimenticherò, so che non è davvero finita qui per me, ma voglio dimagrire un sacco e presentarmi da lui in quelle condizioni per dirgli "Che cazzo vuoi? Hai visto come mi hai ridotta? Adesso ti piaccio? Adesso puoi amarmi? Riesci a vedere tutto il male che mi hai fatto o preferisci continuare a tapparti gli occhi?". Non cambierebbe neppure se fossi in fin di vita e non smetterò mai di ripeterlo.
Comunque oggi ho mangiato la solita frutta a colazione. Poi, l'unico errore che ho commesso, è stato mangiare un piatto di lenticchie alle 9:00, che però penso di aver bruciato, visto che ho fatto 30 minuti di salto alla corda (ci sto prendendo gusto e non mi stanco più facilmente) e 1 ora e mezza di camminata con il mio Ares che mi tirava come un cavallo! Che giornate vuote. Vuotissime. Vorrei tanto un'amica. Vorrei tanto poter stare a contatto con gente come voi per poter essere me stessa in tutta tranquillità. Ma non esiste nessuno con cui possa essere me stessa qui. Almeno io non l'ho trovato. Mi sento sola. Io amo la solitudine, è la prima volta che desidero avere un'amica vera. 

8 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire a difenderla, almeno per una volta, la mia dignità. Me l'ha portata via.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo abito in Calabria, a Catanzaro. Ma spero di levare presto le tende. Anch'io ormai ci sto insieme da quasi due anni. Me ne ha combinate di tutti i colori. Sono morta dentro.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ciao Luna, perdonami se ho rimandato la risposta, ma non avevo alcuna voglia di rispondere a quel tuo messaggio in modo superficiale. Mi dispiace che tu ti riveda in tutto ciò che scrivo, perché non lo auguro a nessuno e se dici di passare anche tu tutte quelle brutte cose, so quanto sia complicato. Anche il solo svegliarsi al mattino per me è una tragedia, so che qualsiasi cosa mi capiti, non posso sfogarmi e chiedere aiuto a nessuno. Le persone SE ti aiutano, lo fanno solo per avere qualcosa in cambio, o per dire "ecco ti ho aiutata, una volta basta ed avanza, ora posso sparire". Per quanto riguarda il tasto "nonna", lei era la cosa più cara che avessi. Non la dimenticherò mai. All'anulare sinistro porto la sua fede di matrimonio e non la toglierò mai. La porterò nella tomba con me. Non so dove siano le nostre nonne ora, se i loro sensi si siano semplicemente annullati ed ora ci sia il vuoto più totale, o se un posto, almeno uno, che possa contenere le loro anime esista realmente. Io me lo auguro, ma non ci credo più di tanto, ed è questo che mi fa male. Comunque sia, sarebbe davvero bello sapere di avere qualcuno come te, e come poche altre che ho "conosciuto" qui, al mio fianco. Ma purtroppo ogni giorno mi ritrovo a fare i conti con la solitudine. Una solitudine che mi sono scelta, ma che era pure inevitabile, contando che l'alternativa sarebbe stata qualche amica che non fa altro che parlarti di scopate, discoteca, trucchi e ragazzi carini. A me interessano le cose importanti. A me interessa la sensibilità. Chi non è in grado di averne, non può far altro che starmi alla larga.
      Ti abbraccio Luna. Ho provato a scriverti in privato ma non mi è possibile. Come posso contattarti?

      Elimina
  3. Nn ci posso credere! Un altra cosa infatti che mi ero dimenticata di scrivere era la tua stessa 'passione' per la solitudine. E quando ho letto ke te la sei scelta, proprio come me, xke le amiche ke abbiamo o avevamo parlano solo di sesso e di cazzate superficiali... Mio dio ma siamo sorelle veramente! Ankio preferisco parlare di cose più importanti e pensa ke mi dicono ke nn mi capiscono, ke dovrei pensare a 'divertirmi'. Cioè bere e andare cn ragazzi a caso e cn ste cose sceme degli scopa amici ke è l ultima novità ke si sono inventati?
    Piuttosto sto da sola ke stare a sentire ste cazzate e fare le cose ke fanno gli altri solo x seguire il gregge.
    Nn saprei..io nn ho facebook ne un blog, xò il cell si.nn so xò magari x te il cellulare è una cosa troppo personale. Dimmi tu:)
    mi sorprendi sempre di più. Ti sto scoprendo sempre + simile a me, è strano.
    Ma nn si può mai dire, in questo mondo ci sono milioni di sorprese, belle e brutte. Di solito si soffre purtroppo, ma un raggio di sole ogni tanto e un sorriso fanno bene.e tu mi hai regalato un sorriso, xke forse siamo davvero simili.
    Un bacio da un amica.
    Luna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina