lunedì 2 dicembre 2013

S-o-l-a.

Ci sono miliardi di cose che ci fluttuano dentro, cose che dovremmo allontanare parlandone, ma qualcosa frena anche le parole, la bocca non si apre, e quelle urla interne rimangono al loro posto, a fare male solo a noi. È così che mi sento. Ieri l'ho cercato, ho ceduto, e mi sento una stupida. La verità è che io voglio uccidermi per fargliela pagare per tutto il male che mi ha causato. Vorrei chiedergli come faccia a chiudere occhio la notte, pur sapendo le condizioni nelle quali mi lascia ogni volta che va a finire così, che ci allontaniamo, ma so che non riceverei risposta. Conto i giorni, sono otto ormai. Otto giorni che non lo vedo. Siamo stati abituati a vederci quasi 24h su 24, sempre. Potete immaginare cosa significhi per me stare distante da lui per così tanto tempo. Ieri mi ha bloccata su facebook ed ha spento il cellulare, sa che questa è la tecnica per farmi impazzire. Si sente forte. Ed io una cogliona. Vorrei sparire per non dargli più queste soddisfazioni. Io sono molto orgogliosa e tornare per prima mi fa stare forse peggio di quando ci separiamo. Ho qualcosa dentro di me, qualcosa che ho bisogno di far uscire perché so che mi sta consumando. Sento la pazzia, il vuoto, la tristezza, la confusione, il caos, la voglia di vivere e morire... sento tutto questo camminare al mio interno. Vorrei che qualcuno si prendesse cura di me, senza dover pensare "potrebbe finire, potrebbe lasciarmi, potrebbe tradirmi", ma non esiste nulla del genere al mondo, almeno non in questo. Ed io continuo ad essere circondata da persone, ma nello stesso tempo sono sola. Sola. Sola. Sola.

3 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nila grazie per esserci sempre. Sì, voi siete le uniche ad essere qui, anche se virtualmente, in questi atroci momenti di disperazione. Lui invece non c'è mai stato. Mai. Purtroppo l'amore fa più schifo delle persone, se non lo amassi riuscirei tranquillamente ad ignorarlo, ma non ce la faccio. Sono in gabbia. Voglio morire per lui, purtroppo è la realtà. Voglio che lui mi rimpianga per sempre.

      Elimina
  2. Non merita la tua vita, non la merita per nulla. Gli hai regalato il tuo tempo e il tuo amore senza darti nulla in cambio se non sofferenza, non merita il tuo dolore e la tua tristezza. Merita solo di vederti forte, libera ed indipendente.
    Sii forte, se vuoi fargliela pagare non devi cedergli, non devi guardarti indietro, devi tirarti su e dimostrargli che non hai bisogno di lui, che è stato capace solo di farti stare male e che la sua assenza può soltanto darti nuova vita!

    Tesoro, non smetterò mai di ripeterti che è una cosa difficilissima...
    Soffrirai tanto, soffrirai ancora. Lo sognerai, ti troverai a pensarlo senza accorgertene, sentirai la sua mancanza. Magari penserai di aver superato tutto ed un profumo per strada ti ricorderà di voi.
    Ciò non significa che tornerai da lui per forza, se dovesse fare un passo indietro. Cosa che da quello che dici, non farà mai.
    E allora sì, prova a rendergli pan per focaccia. Ma se devi indirizzare la tua volontà verso la vendetta, se devi fargliela pagare, fallo regalandogli indifferenza e forza. La tua vita è troppo preziosa per sprecarla per una persona del genere.

    RispondiElimina